domenica 29 marzo 2020

Origo gentis Langobardorum (VII secolo)

Maiestas Domini (dall'Altare del duca Ratchis, 
737-744 ca.,
Cividale del Friuli, Museo Diocesano)

L'Origo gentis Langobardorum ("Origine del popolo dei Longobardi") è una delle prime fonti per la conoscenza del popolo dei Longobardi: di autore anonimo, risale alla metà del VII secolo, e si trova premessa - in sole tre copie - al celebre Editto di Rotari (la cui stesura risale al 643). Si tratta di un testo molto breve, in tutto sette capitoletti, che nel capitolo iniziale racconta, in forma mitica, l'origine geografica dei Longobardi e l'etimologia del loro nome. 
I Longobardi abitavano, secondo l'anonimo cronista, in un'isola chiamata Scadanan, che dovrebbe corrispondere all'attuale Scandinavia, ma il cui nome secondo l'autore significherebbe excidia, letteralmente 'strage'. Il loro nome originale come stirpe sarebbe stato Winniles, 'Winnili'. In un dato momento della loro storia si sarebbe scontrati con i Vandali, altro popolo di origine gota più numeroso e più forte, che volevano imporre tributi ai Winnili. I Vandali si sarebbero rivolti a Godan, il dio Odino della mitologia nordica, chiedendone aiuto e soccorso, ma Godan avrebbe risposto loro che avrebbe dato la vittoria al popolo che avesse visto per prima l'indomani, al sorgere del sole. I Winnili allora impetrano l'aiuto di Frea, moglie di Godan, la quale consiglia loro di farsi trovare per prima l'indomani al mattino presto, ma affiancati dalle loro donne, che dovevano per l'occasione avvolgere i propri lunghi capelli intorno al volto, a mo' di barba, in abiti quindi virili e guerreschi. Quando Godan li vide avrebbe esclamato: "Chi sono questi longibarbae?", cioè 'dalla lunga barba'? E avendo loro imposto il nome, dette a loro la vittoria in battaglia contro i Vandali. Secondo questa versione dunque, l'appellativo Longobardi significherebbe 'dalla lunga barba' (long + bart, in lingua germanica). 
Nei sei paragrafi successivi l'anonima cronaca elenca sinteticamente i re Longobardi, da Agilmondo (fine IV secolo-inizi V) fino a Pertarito (morto nel 688).
L'unico re longobardo sul quale l'anonimo compilatore si sofferma, dando qualche particolare in più, è Alboino (530 ca.-572), morto assassinato a Verona dalla moglie Rosmunda in combutta con l'amante di lei Elmichi. Della coppia si racconta poi brevemente la fuga avventurosa a Ravenna, e la reciproca morte violenta per veleno.
Nel complesso l'importanza della Origo gentis Langobardorum sta nella sua antichità, più che nelle notizie in sé che ci trasmette, poche e spesso dal sapore leggendario. Circa cinque secoli dopo, Paolo Diacono, accingendosi alla stesura della sua monumentale - e ben più importante - Historia Langobardorum, guardando all'Origo con gli occhi della critica e dello storico di professione, la definì una ridiculam fabulam... risu digna et pro nihilo habenda, 'una favola ridicola... degna di riso e da non tenere in nessun conto'. Ma proprio per la sua antichità resta un documento prezioso, come del resto ben si avvide lo stesso Paolo Diacono, il quale, pur criticandola fortemente, non poté prescindere dal confrontarsi con essa nell'esporre le origini del suo popolo.

Si fornisce qui di seguito il testo originale latino, secondo l'edizione di G. Waitz compresa nei Monumenta Germaniae Historica (MGH), Scriptores rerum Langobardicarum et italicarum (saec. VI-IX), Hannover 1878, pp. 1-6 (disponibile anche online); cui faccio seguire la traduzione in italiano e un breve commento.


IN NOMINE DOMINI INCIPIT ORIGO GENTIS LANGOBARDORUM
1. Est insula qui dicitur Scadanan, quod interpretatur excidia, in partibus aquilonis, ubi multae gentes habitant; inter quos erat gens parva quae Winnilis vocabatur. Et erat cum eis mulier nomine Gambara, habebatque duos filios, nomen uni Ybor et nomen alteri Agio; ipsi cum matre sua nomine Gambara principatum tenebant super Winniles. Moverunt se ergo duces Wandalorum, id est Ambri et Assi, cum exercitu suo, et dicebant ad Winniles: " Aut solvite nobis tributa, aut praeparate vos ad pugnam et pugnate nobiscum". Tunc responderunt Ybor et Agio cum matre sua Gambara: "Melius est nobis pugnam praeparare, quam Wandalis tributa persolvere". Tunc Ambri et Assi, hoc est duces Wandalorum, rogaverunt Godan, ut daret eis super Winniles victoriam. Respondit Godan dicens: "Quos sol surgente antea videro, ipsis dabo victoriam". Eo tempore Gambara cum duobus filiis suis, id est Ybor et Agio, qui principes erant super Winniles, rogaverunt Fream, uxorem Godam, ut ad Winniles esset propitia. Tunc Frea dedit consilium, ut sol surgente venirent Winniles et mulieres eorum crines solutae circa faciem in similitudinem barbae et cum viris suis venirent. Tunc luciscente sol dum surgeret, giravit Frea, uxor Godan, lectum ubi recumbebat vir eius, et fecit faciem eius contra orientem, et excitavit eum. Et ille aspiciens vidit Winniles et mulieres ipsorum habentes crines solutas circa faciem; et ait: "Qui sunt isti longibarbae" ? Et dixit Frea ad Godan: "Sicut dedisti nomen, da illis et victoriam". Et dedit eis victoriam, ut ubi visum esset vindicarent se et victoriam haberent. Ab illo tempore Winnilis Langobardi vocati sunt.
2. Et moverunt se exhinde Langobardi, et venerunt in Golaidam, et postea possiderunt Aldonus Anthaib et Aainaib seu et Burgundaib; et dicitur, quia fecerunt sibi regem nomine Agilmund, filium Agioni, ex genere Gugingus. Et post ipsum regnavit Laiamicho ex genere Gugingus. Et post ipsum regnavit Lethuc, et dicitur, quia regnasset annos plus minus quadraginta. Et post ipsum regnavit Aldihoc, filius Lethuc. Et post ipsum regnavit Godehoc.
3. Illo tempore exivit rex Audoachari de Ravenna cum exercitu Alanorum, et venit in Rugilanda et inpugnavit Rugos, et occidit Theuvane regem Rugorum, secumque multos captivos duxit in Italiam. Tunc exierunt Langobardi de suis regionibus, et habitaverunt in Rugilanda annos aliquantos.
4. Post eum regnavit Claffo, filius Godehoc. Et post ipsum regnavit Tato, filius Claffoni. Sederunt Langobardi in campis feld annos tres. Pugnavit Tato cum Rodolfo rege Herulorum, et occidit eum, tulit vando ipsius et capsidem. Post eum Heruli regnum non habuerunt. Et occidit Wacho, filius Unichis, Tatonem regem barbanem suum cum Zuchilone. Et pugnavit Wacho, et pugnavit Ildichis, filius Tatoni, et fugit Ildichis ad Gippidos, ubi mortuus est. Iniuria vindicanda Gippidi Scandalum commiserunt cum Langobardis. Eo tempore inclinavit Wacho suavos sub regno Langobardorum. Wacho habuit uxores tres: Raicundam, filia Fisud regis Turingorum; et postea accepit uxorem Austrigusa, filiam Gippidorum; et habuit Wacho de Austrigusa filias duas, nomen unae Wisigarda, quam tradidit in matrimonium Theudiperti regis francorum; et nomen secundae Walderada, quam habuit uxorem Scusuald rex francorum, quam odio habens, tradidit eam Garipald in uxorem. Filia regis Herulorum tertiam uxorem habuit nomen Silinga; de ipsa habuit filium nomine Waltari. Mortuus est Wacho, et regnavit filius ipsius Waltari annos septem; Farigaidus: isti omnes Lethinges fuerunt.
5. Et post Waltari regnavit Auduin; ipse adduxit Langobardos in Pannonia. Et regnavit Albuin, filius ipsius, post eum, cui mater est Rodelenda. Eo tempore pugnavit Albuin cum rege Gippidorum nomine Cunimund, et mortuus est Cunimund in ipsa pugna, et debellati sunt Gippidis. Tulit Albuin uxore Rosemunda, filia Cunimundi, quae praedaverat, quia iam mortua fuerat uxor ipsius Flutsuinda, quae fuit filia Flothario regis Francorum; de qua habuit filia nomine Albsuinda. Et habitaverunt Langobardi in Pannonia annis quadraginta duo. Ipse Albuin adduxit Langobardos in Italia, invitatos a Narsete scribarum; et movit Albuin rex Langobardorum de Pannonia mense aprilis a pascha indictione prima. Secunda vero indictione coeperunt praedare in italia. Tertia autem indictione factus est dominus Italiae. Regnavit Albuin in Italia annos tres, et occisus est in Verona in palatio ab Hilmichis et Rosemunda uxore sua per consilium Peritheo. Voluit regnare Hilmichis, et non potuit, quia volebant eum Langobardi occidere. Tunc mandavit Rosemunda ad Longinum praefectum, ut eam reciperet Ravenna. Mox ut audivit Longinus, gavisus est, misit navem angarialem, et tulerunt Rosemunda et Hilmichis et Albsuindam, filia Albuin regis, et omnes thesauros Langobardorum secum duxerunt in Ravenna. Tunc ortare coepit Longinus praefectus Rosemunda, ut occideret Hilmichis et esset uxor Longini. Audito consilium ipsius, temperavit venenum, et post valneum dedit ei in caldo bibere. Cumque bibisset Hilmichis, intellexit, quod malignum bibisset; praecepit, ut ipsa Rosemunda biberet invita; et mortui sunt ambo. Tunc Longinus praefectus tulit thesauros Langobardorum, et Albsuinda, filia Albuin regis, iussit ponere in navem et transmisit eam Constantinopolim ad imperatorem.
6. Reliqui Langobardi levaverunt sibi regem nomine Cleph de Beleos, et regnavit Cleph annos duos, et mortuus est. Et iudicaverunt duces Langobardorum annos duodecim; posthaec levaverunt sibi regem nomine Autarine, filio Claffoni; et accepit autari uxorem Theudelenda, filia Garipald et Walderade de Baiuaria. Et venit cum Theudelenda frater ipsius nomine Gundoald, et ordinavit eum autari rex ducem in civitatem Astense. Et regnavit Autari annos septem. Et exivit Acquo dux Turingus de Thaurinis, et iunxit se Theudelendae reginae, et factus est rex Langobardorum; et occidit duces revelles suos, Zangrolf de Verona, Mimulf de insula sancti iuliani et Gaidulf de Bergamum, et alios qui revelles fuerunt; et genuit Acquo de Theodelenda filiam nomine Gunperga. Et regnavit Acquo annos VI. Et post ipso regnavit Aroal annos duodecim. Et post ipso regnavit Rothari ex genere Arodus, et rupit civitatem vel castra romanorum quae fuerunt circa litora apriso lune usque in terra Francorum quam ubitergium ad partem orienti, et pugnavit circa fluvium Scultenna, et ceciderunt a parte romanorum octo milia numerus.
7. Et regnavit Rothari annos decem et septem. Et post ipsum regnavit Aripert annos novem. Et post ipsum regnavit Grimoald. Eo tempore exivit Constantinus imperator de Constantinopolim, et venit in partes Campaniae, et regressus est in Sicilia, et occisus est a suis. Et regnavit Grimoald annos novem; et post regnavit Berthari.

IN NOME DI DIO INIZIA L'ORIGINE DEL POPOLO DEI LONGOBARDI
1. C'è un'isola che è chiamata Scadanan, che significa strage, nelle zone settentrionali, dove abitano molte popolazioni; fra le quali c’era una piccola popolazione che era chiamata Winnili. Tra loro vi era una donna chiamata Gambara ed aveva due figli: Ybor era il nome del primo e Aio quello del secondo. Essi erano i capi dei Winnili insieme alla madre di nome Gambara. Dunque i capi dei Vandali, ossia Ambri ed Assi, si misero in marcia con il loro esercito e dicevano ai Winnili: «O ci versate tributi o preparatevi alla guerra e combattete contro di noi». Allora Ybor e Aio insieme alla madre Gambara risposero: «E’ meglio per noi prepararci a combattere piuttosto che versare tributi ai Vandali». Quindi Ambri ed Assi, cioè i capi dei Vandali, pregarono Godan di concedere loro la vittoria sui Winnili. Godan rispose dicendo: «Darò la vittoria ai primi che vedrò al sorgere del sole». Allora Gambara ed i suoi due figli, Ybor ed Aio, che erano i capi dei Winnili invocarono Frea, moglie di Godan, affinché fosse propizia ai Winnili. Allora Frea consigliò che i Winnili si presentassero al sorgere del sole, e che venissero insieme ai mariti anche le mogli con i capelli sciolti intorno al viso a mo’ di barba. Al primo albeggiare mentre il sole sorgeva, Frea girò il letto su cui dormiva suo marito e lo rivolse ad Oriente, e lo svegliò. Egli, aperti gli occhi, vide i Winnili e le loro mogli che avevano i capelli sciolti intorno al viso, e disse: «Chi sono queste lunghe barbe?». Allora Frea disse a Godan: «Siccome hai loro imposto un nome, dàgli anche la vittoria». Da quel momento i Winnili furono chiamati Longobardi.
2. I Longobardi si mossero da quei luoghi e giunsero in Golaida, poi occuparono Aldonus, Anthaib e Banaib, ed anche la terra dei Burgundi, e si dice che si nominarono come re Agilmondo, figlio di Aio, della famiglia dei Guginghi. Dopo di lui regnò Lamissone, della famiglia dei Guginghi. Dopo di lui regnò Leti e si dice che regnò circa quaranta anni. E dopo di lui regnò Ildeoc, figlio di Leti. Dopo di lui regnò Godeoc.
3. In quel tempo il re Audoacari uscì da Ravenna con un esercito di Alani, venne in Rugilandia, combatté contro i Rugi, ed uccise Theuvane re dei Rugi, e riportò in Italia con sé molti prigionieri. Allora i Longobardi si spostarono dalle loro regioni ed abitarono nella terra dei Rugi per diversi anni.
4. Dopo di lui regnò Claffone, figlio di Godeoc. Dopo di lui regnò Tatone, figlio di Claffone. I Longobardi si spostarono nel territorio di Feld per tre anni. Tatone combatté con Rodolfo, re degli Eruli, lo uccise e si impadronì del suo elmo e del suo stendardo. Dopo di lui gli Eruli non ebbero più un regno. E Vacone, figlio di Unichis, uccise il re Tatone, suo zio paterno, insieme a Zuchilone. Vacone combatté, ed Ildichi, figlio di Tatone, combatté e poi fuggì presso i Gepidi dove morì. I Gepidi per vendicare l’offesa dichiararono guerra ai Longobardi. In quel tempo Vacone costrinse gli Svevi a sottomettersi al regno longobardo. Vacone ebbe tre mogli: Ranicunda, figlia di Fisud re dei Turingi, poi sposò Austrigusa, donna dei Gepidi, e Vacone ebbe da Austrigusa due figlie: la prima ebbe nome Wisigarda e la diede in moglie a Theudiperto re dei Franchi; la seconda ebbe nome Walderada e l’ebbe in moglie Scusualdo re dei Franchi, che avendola in odio la diede in sposa a Garibaldo. Come terza ebbe in moglie Silinga, figlia del re degli Eruli; da lei ebbe un figlio di nome Waltari. Vacone morì e suo figlio Waltari regnò per sette anni senza successori: tutti questi furono Letingi.

5. E dopo Waltari regnò Audoino; questi condusse i Longobardi in Pannonia. Dopo di lui regnò Alboino, suo figlio, la cui madre fu Rodelinda. In quel tempo Alboino combatté con il re dei Gepidi che si chiamava Cunimondo; Cunimondo morì in quel combattimento ed i Gepidi furono sconfitti. Alboino prese in moglie Rosmunda, figlia di Cunimondo, che aveva catturato come preda di guerra, poiché era morta sua moglie Flutsuinda, che fu figlia di Flothario re dei Franchi, dalla quale ebbe una figlia di nome Albsuinda. I Longobardi abitarono in Pannonia per quarantadue anni. Lo stesso Alboino condusse i Longobardi in Italia, invitati dai segretari di Narsete. Alboino, re dei Longobardi, partì dalla Pannonia nel mese di aprile, nella prima indizione dopo la Pasqua. Nella seconda indizione invero cominciarono a depredare in Italia. Quindi nella terza indizione diventò padrone d’Italia. Alboino regnò in Italia per tre anni, e fu ucciso a Verona nel suo palazzo da Elmichi e da sua moglie Rosmunda, secondo il parere di Peritheo. Elmichi volle regnare ma non poté, perché i Longobardi volevano ucciderlo. Allora Rosmunda scrisse al prefetto Longino che la accogliesse in Ravenna. Quando Longino udì questa richiesta si rallegrò e mandò una nave della flotta: Rosmunda, Elmichi e Albsuinda, figlia del re Alboino, si imbarcarono e portarono con sé a Ravenna tutti i tesori dei Longobardi. In seguito il prefetto Longino cercò di convincere Rosmunda ad uccidere Elmichi e a diventare sua sposa. Dando ascolto alle sue richieste, ella preparò un veleno e dopo il bagno glielo diede da bere in una bevanda calda. Ma non appena Elmichi ebbe bevuto capì di aver ingerito una pozione mortale e ordinò che pure Rosmunda la bevesse, anche se non voleva, e così morirono entrambi. Allora Longino prese i tesori dei Longobardi e Albsuinda, figlia del re Alboino, ordinò di caricarli su una nave e li fece consegnare all’imperatore a Costantinopoli.
6. I restanti Longobardi si scelsero come re Clefi, della casata dei Belei; Clefi regnò per due anni e poi morì. I duchi dei Longobardi governarono per dodici anni, dopo di che si scelsero come re Autari, figlio di Claffone; Autari prese in moglie Teodolinda, figlia di Garibaldo, e Walderada dei Bavari. Insieme a Teodolinda venne suo fratello di nome Gundoaldo, ed il re Autari lo nominò duca della città di Asti. Autari regnò per sette anni. Acquo, duca di Turingia, partì da Torino, si unì alla regina Teodolinda e diventò re dei Longobardi. Uccise i duchi che gli opponevano, Zangrolf di Verona, Mimulf dell’isola di San Giuliano, Gaidulf di Bergamo e gli altri che gli furono ribelli. Acquo generò da Teodolinda una figlia di nome Gunperga e regnò per sei anni. Dopo di lui regnò Arioaldo per dodici anni. Dopo di lui regnò Rotari, della dinastia degli Arodingi. Egli distrusse le città e le fortezze dei Romani che si trovavano lungo il litorale dai dintorni di Luni fino alla terra dei Franchi e ad est fino ad Oderzo; combatté presso il fiume Scultenna: caddero in quella battaglia ottomila Romani.
7. Rotari regnò per diciassette anni. Dopo di lui regnò Ariperto per nove anni, e poi regnò Grimoaldo. In quel tempo l’imperatore Costantino partì da Costantinopoli e venne nella regione della Campania, quindi si spostò in Sicilia e fu ucciso dai suoi. Grimoaldo regnò per nove anni e dopo regnò Pertarito.


COMMENTO
1. Scadanan: dovrebbe coincidere con la Scania, facente parte del Gotland, la parte più meridionale della Svezia.
gens parva ('piccola popolazione'): anche Tacito, quando fa cenno ai Longobardi, li definisce poco numerosi rispetto alle popolazioni germaniche sorelle che premevano ai confini dell'impero romano.
Godan: è il nome di Odino in lingua longobarda, in germanico Wotan o Wodan; la moglie Frea corrisponde al germanico Frigg, spesso confusa con Freia, altra divinità. 
Nel tentativo di imporre dei tributi ai Winnili da parte dei Vandali, si può notare l'atteggiamento tipico di questi ultimi, tradizionalmente considerati fra i più bellicosi delle popolazioni germaniche.
Il consiglio di Frea, ossia di far comparire insieme agli uomini anche le donne con i capelli intorno al viso a mo' di barba, si può forse spiegare come tentativo di far sembrare il popolo dei Winnili più numeroso di quanto lo fosse in realtà, spacciando le donne per guerrieri.
Va detto che i Longobardi erano effettivamente famosi per la lunga barba, al contrario per esempio di un popolo quale i Franchi, che erano noti per essere curati e imberbi (lo afferma anche Paolo Diacono nella sua Historia).
La richiesta di Frea al marito di concedere la vittoria ai Winnili si spiega nell'idea - comune a moltissime popolazioni, e presente anche nella Bibbia - della potenza del nome: imporre un nome alle cose o a una persona/un popolo (come fa per es. Adamo al momento della creazione secondo il libro della Genesi) equivale al prenderne possesso e, al contempo, a elargire una sorta di benedizione, soprattutto nel caso - come in questo passo - che ci si trovi di fronte a un dio.

2. Golaida: è la Golanda (Goland), secondo Paolo Diacono, una regione incerta fra Germania e l'attuale Polonia. La terra dei Burgundi è invece a sud della Golanda, non molto distante da essa.
Agilmondo (fine IV secolo-inizi V) fu uno dei primi re dei Longobardi: a lui si deve forse la creazione del sistema politico-amministrativo basato sui duchi, e durante il suo regno ebbe a confrontarsi per la prima volta con gli Unni (chiamati bulgari da Paolo Diacono).
Lamissone: successore di Agilmondo, che perse la vita in battaglia proprio contro gli Unni, riuscì a capovolgere le sorti della guerra e a conseguire la vittoria finale.
Di Leti e del figlio Ildeoc (entrambi del V secolo) non si sa moltissimo; di Godeoc invece si sa che fu lui il re a condurre i Longobardi nelle terre dei Rugi (Rugilandia), come è detto al paragrafo successivo.

3. Audoacari: nulla si sa di questo re. Gli Alani erano una tribù nomade, parenti dei Sarmati, e confederati con gli Unni, che risiedevano nelle zone a est del Danubio, in Pannonia (Ungheria) e fino al Caucaso. Non risultano essere mai stati presenti in Italia, e a Ravenna in particolare.
I Rugi facevano parte delle tribù gotiche e la loro terra (Rugilandia) era in Bassa Austria.

4. Anche di Claffone non si sa moltissimo; il figlio Tatone (che regnò sui Longobardi fino al 510 ca.) condusse il suo popolo dalla terra dei Rugi al Feld, oggi Marchfeld, regione compresa fra Vienna e Bratislava.
Vacone è il primo re longobardo importante nella storia del suo popolo e di quella europea, del quale si posseggono quindi notizie più dettagliate. Regnò sui Longobardi dopo Claffone, dal 510 al 540 ca., del quale era nipote, estromettendo Ildichi, figlio di Claffone, che morì in esilio presso i Gepidi. Sotto il regno di Vacone i Longobardi fanno guerra ai Gepidi, loro tradizionali rivali, e agli Svevi. I tre matrimoni di Vacone ricordati nel testo (con Ranicunda del popolo dei Turingi, Austrigusa dei Gepidi e Silinga degli Eruli) servirono, insieme ai matrimoni combinati delle sue figlie, a Vacone a tessere altrettante alleanze con i popoli confinanti (Turingi, Svevi. Eruli e Franchi). 
Alla morte di Vacone subentra al trono il figlio Waltari (o Valtari), all'epoca ancora minorenne, che regnò sui Longobardi dal 540 ca. al 547. Con lui si conclude la dinastia dei Letingi (dal nome di Leti, primo re della dinastia).

5. Con Audoino (che regna dal 547 al 560 ca.) inizia la dinastia dei Gausi: Audoino conduce i Longobardi in Pannonia (l'attuale Ungheria) e - almeno nella prima fase del regno - realizza una politica di avvicinamento dei Longobardi a Giustiniano e all'impero bizantino, contro le tradizionali alleanze con le altre tribù germaniche.
Il figlio e successore di Audoino è il celebre Alboino (530 ca.-572) che, diventato re nel 560 ca., conduce i Longobardi in Italia, nella primavera del 568, su invito e concessione dei bizantini (a Narsete scribarum, si corregga in a Narsetis scribisNarsete era il luogotenente di Giustiniano) riuscendo in breve a conquistare l'intera penisola (factus est dominus Italiae), impresa mai riuscita prima a nessuna popolazione barbarica, e diventando per questo motivo un personaggio leggendario. Dopo aver ucciso in battaglia Cunimondo, re dei Gepidi, ne sposa la figlia, Rosmunda, catturata come preda di guerra. La leggenda - ma che potrebbe essere vera - racconta l'abitudine di Alboino di utilizzare il cranio dei nemici sconfitti e uccisi in battaglia come coppa per bere. A parte per il risentimento causato dall'uccisione del padre, e l'essere stata catturata come preda ed essere stata data in moglie all'uccisore del padre, Paolo Diacono spiega il tradimento di Rosmunda e l'assassinio del marito come avvenuto a seguito dell'ennesima provocazione di Alboino, che avrebbe costretto la consorte a bere nel teschio del padre. Dopo l'uccisione di Alboino, Rosmunda avrebbe tentato di imporre Elmichi quale re dei Longobardi, che però venne rifiutato dai duchi longobardi, obbligando la coppia a fuggire e a rifugiarsi a Ravenna presso il prefetto bizantino Longino. La morte per veleno di entrambi ha il sapore della leggenda: Gregorio di Tours, ad esempio, racconta invece (nell'Historia Francorum, libro IV, 41) che i due fuggitivi vennero inseguiti e uccisi prima di poter raggiungere Ravenna.
Albsuinda (o Alpsuinda) era la figlia di Alboino e della prima moglie Flutsuinda: la ragazza quindi sarebbe stata portata a Ravenna dalla matrigna Rosmunda in fuga.

6. Clefi: re dei Longobardi dal 572 al 574, proseguì la politica di Alboino ed estese il dominio longobardo nella penisola, arrivando anche a cingere d'assedio Ravenna, capitale dell'esarcato bizantino.
Alla morte di Clefi, i duchi non nominano un nuovo re, e il dominio longobardo in Italia si spezzetta in 35 ducati sostanzialmente indipendenti (Periodo dei Duchi, dal 574 al 584, dieci anni in tutto non dodici come è detto invece nel testo).
L'elezione di Autari, figlio di Clefi, a re dei Longobardi è del 584, e il suo regno dura fino al 590, distinguendosi in particolare per una politica religiosa filocattolica, contro il tradizionale arianesimo dei Longobardi.
Con Autari l'Origo gentis Langobardorum si discosta da quanto effettivamente noto a livello storico: Teodolinda sposò Autari prima, e Agilulfo poi, che divenne re dei Longobardi dopo Autari. L'anonimo compilatore della cronaca fa invece unire in nozze Teodolinda con tale Acquo, duca della Turingia, che sarebbe divenuto re dei Longobardi; e suo successore sarebbe stato il figlio Arioaldo, cui sarebbe seguito infine Rotari. La cronologia oggi riconosciuta - ma è certa - è invece: Autari (re dal 584 al 590)-Agilulfo, che sposa Teodolinda, già vedova di Autari (dal 590 al 616)-Adaloaldo, figlio di Agilulfo e Teodolinda (dal 616 al 625)-Arioaldo (re dal 626 al 636), e infine Rotari.
Rotari è re dei Longobardi dal 636 al 652, ed è noto soprattutto per il celeberrimo Editto di Rotari (643), la prima raccolta scritta delle leggi dei longobardi. Le campagne militari di Rotari qui ricordate riguardano la conquista della Liguria (Luni e Oderzo); il fiume Scultenna è oggi chiamato Panàro, in Emilia Romagna, dove Rotari sconfisse i bizantini (qui chiamati Romani) dell'esarcato di Ravenna.

7. Il successore di Rotari non fu Ariperto, come qui viene erroneamente affermato, ma Rodoaldo, che regnò per un solo anno, dal 652 al 653; suo successore fu Ariperto, re dei Longobardi dal 653 al 661. Gli succedette Pertarito per un solo anno, dal 661 al 662; quindi Grimoaldo dal 662 al 671; e poi nuovamente Pertarito dal 671 al 688.

Nessun commento:

Posta un commento