giovedì 11 gennaio 2018

Dies Irae (XII secolo)

L'angelo dell'apocalisse suona la prima tromba

Il Dies irae è certamente uno dei componimenti più noti di tutta la poesia mediolatina. Si tratta di una sequenza, ossia di un testo poetico-musicale di carattere liturgico utilizzato nelle celebrazioni della messa. L’autore del Dies irae, tradizionalmente identificato con il frate francescano Tommaso da Celano (1190-1265 circa), è dubbio ed oggi fortemente discusso. 
Ancor oggi l’inno è cantato – soprattutto nella cosiddetta Messa tridentina in uso fino al Concilio Vaticano II – nell’ufficio dei defunti; in origine però esso veniva cantato, come tutte le sequenze, prima della lettura dei Vangelo, e precisamente precedeva la lettura di Luca 21, 6 e sgg., durante la prima domenica del Tempo di Avvento, in cui si annunciava la fine del mondo e il giudizio finale che attendeva ciascun uomo.
                                                                                                    Il Dies Irae di Mozart

L’ispirazione originale dell’inno nasce da un passo di Sofonia (1,15-16), dove si afferma: «Dies irae, dies illa, dies tribulationis et angustiae, dies vastitatis et desolationis, dies tenebrarum et caliginis, dies nebulae et turbinis, dies tubae et clangoris super civitates munitas et super angulos excelsos» [“Giorno dell’ira, quel giorno, giorno di tribolazione e di angoscia, giorno di devastazione e di desolazione, giorno di tenebre e di nebbia, giorno di nuvole e di tempesta, giorno della tromba e di grida di guerra sulle città fortificate e sulle torri d’angolo”].

martedì 9 gennaio 2018

Il colorito linguistico della "Commedia": una questione da riaprire?, «Carte Romanze» 5 (2017), 2, pp. 105-24


Proposta di adottare, per la veste linguistica della Commedia, i codici pienamente fiorentini (e antichi) Parm e/o Fior. Pal. 319, contro il tradizionale Triv[ulziano 1080] ovvero Urb[inate lat. 366], quest'ultimo secondo le proposte più recenti di Federico Sanguineti e Paolo Trovato.

mercoledì 3 gennaio 2018

Inizio d'anno con l'antifilosofia leopardiana


Scritto nel 1832, il Dialogo di un venditore di almanacchi e di un passeggere (penultimo brano delle Operette morali) riassume la visione della felicità secondo Leopardi, e in genere dà pienamente ragione del suo sistema di “antifilosofia”.
Filosofico’ è ogni sistema di pensiero in cui lo svelamento di una qualche verità rende liberi e felici, in quanto fa pienamente consapevoli della realtà e delle leggi ad essa sottese. L’antifolosofia leopardiana, invece, è una filosofia del paradosso e della contraddizione: essendo la realtà dolore e noia, non solo la conoscenza della verità non rende liberi e felici, ma fa sì che il filosofo, il sapiente, sia l’essere più infelice sulla terra, comprendendo «l'infinita vanità del tutto». Meglio quindi essere ignoranti che sapienti, meglio ignorare che conoscere. 
La felicità, oggetto di ricerca della filosofia, non solo, per Leopardi, non è raggiungibile, ma è un’illusione: essa è attesa e speranza di una condizione felice futura, ma che mai arriverà. Il presente è infelicità, e di conseguenza si sogna, si attende un qualche riscatto futuro: questa tensione futura, mai reale, è la felicità. Mai oggetto del presente, ma solo del futuro (come speranza appunto), o al massimo di recupero nostalgico del passato (la rimembranza, il ricordo perduto della giovinezza).

mercoledì 27 dicembre 2017

Alfonso Maria de' Liguori, Tu scendi dalle stelle

Matthias Stromer (1600-1650 ca.), Natività
Alfonso Maria de' Liguori (Napoli, 1696-1787), sacerdote, fondatore della Congregazione del SS. Redentore (1732), beato (nel 1816), quindi proclamato santo della Chiesa cattolica (da papa Gregorio XVI nel 1839), è l'autore - oltre a una serie di opere ascetiche e morali - di una serie di Canzoncine spirituali (1732), fra le quali spicca la Canzoncina a Gesù Bambino, meglio conosciuta, dal primo verso, come Tu scendi dalle stelle, componimento che conobbe fin da subito una diffusione immensa.
La poesia fu composta dal santo nel dicembre 1754 a Nola, in preparazione del Natale, e risulta un adattamento di un altro componimento dello stesso Liguori, ma scritto in dialetto napoletano, dal titolo Quanno nascette Ninno (‘Quando nacque il Bambino’), portato a termine nel convento della Consolazione di Deliceto (Foggia), nello stesso periodo. Di entrambi i componimenti il santo scrisse, insieme alle parole, anche la melodia, che è la medesima nei due brani; mentre a livello testuale i due componimenti risultano essere molto diversi fra di loro. 

domenica 3 dicembre 2017

A. N. Ostrovskij, L'uragano (1859)


Aleksandr Nikolaevic Ostrovskij (1823-1886) è stato un autore teatrale molto noto, nel genere della commedia di costume, nella Russia zarista della seconda metà del XIX secolo. Oggi però il suo nome è pochissimo conosciuto, se non completamente dimenticato, soprattutto al di fuori dei confini nazionali. Si tratta tuttavia di uno dei maggiori esponenti del teatro realistico dell'Ottocento, ed è da molti considerato il fondatore del teatro russo moderno, al punto che Turgenev lo definì (forse un po' esageratamente) "lo Shakespeare della classe mercantile russa".
L'uragano (Grozà, 1859) e La foresta (Les, 1870) sono le sue opere più note e riuscite - in un quadro di una cinquantina di opere totali -, ma la prima rappresenta senz'altro il suo capolavoro.
Come nella maggior parte delle commedie di Ostrovskij, la protagonista è la classe mercantile russa, di cui si denunciano l'arretratezza, il bigottismo unito a un conservatorismo politico di tipo retrivo, e l'ipocrisia di fondo. 
Ne L'uragano la classe mercantile è rappresentata da due personaggi principali: il primo, Dikoi, è un membro di spicco della cittadina di Kalìnov sul Volga, ed è tratteggiato come un burbero irascibile e ubriacone che attacca violentemente chiunque osi chiedergli del denaro, compreso quello che egli legittimamente deve ai suoi contadini e ai suoi dipendenti; la seconda è la Kabànova, vedova di un ricco mercante che sfoga sui suoi familiari (soprattutto sul figlio inetto Tichon Kabànov e sulla nuora Katerina) il suo atteggiamento bigotto e ipocrita, improntato a una serie di massime spicciole all'insegna del rispetto che i giovani devono ai vecchi, e alla funzione di potere che deve spettare in famiglia all'uomo, mentre la donna deve sempre essere sottomessa al marito.

giovedì 16 novembre 2017

B. Strauss, La guerra di Troia (Bari-Roma, Laterza 2009)


Bel libro quello di Barry Strauss che ripercorre, da un punto di vista storico e archeologico, le vicende legate alla guerra di Troia. Innanzitutto: c'è stata davvero una guerra di Troia? Chi l'ha combattuta? Quale fondamento storico hanno gli eroi omerici (Achille, Agamennone, Menelao...)? E la storia del cavallo? Davvero è solo opera di fantasia? Questi gli interrogativi cui il libro cerca di rispondere. La fonte principale è ovviamente Omero, quindi il volume è anche l'occasione per gli appassionati di fare un tuffo alla ricerca di Omero e delle sue radici storiche e letterarie.
Sunto del volume con estratti qui.

martedì 10 ottobre 2017

Il Convento di S. Croce in Fossabanda e l'Osservanza francescana a Pisa (2011)



Testo integrale (in pdf) del mio volume Il Convento di S. Croce in Fossabanda e l'Osservanza francescana a Pisa, uscito nel 2011 presso l'editore C.L.D. di Pontedera (Pisa).