martedì 17 aprile 2018

Adso di Montier-en-Der, De Antichristo

Apocalisse di re Fernando e Sancha, 1047
(Madrid, Biblioteca Nacional, Ms. Vitr. 14.2)

Adso (910/915-992), di nobile famiglia franca, poi monaco benedettino presso l'abbazia di Luxeuil, e infine abate (dal 967 circa) di Montier-en-Der, nella Francia nord-orientale, è l'autore di un celebre libello 
De Antichristo, il cui titolo completo è De ortu et tempore de Antichristo ('La nascita e il tempo dell'Anticristo'), opera che ebbe una vastissima diffusione del Medioevo (171 i manoscritti superstiti, comprese non meno di sette rielaborazioni successive, allestite fra XI e XII secolo).
La figura di Adso è in realtà assurta a una certa fama in tempi recenti a seguito del successo editoriale, a livello mondiale, del romanzo Il nome della rosa di Umberto Eco (Milano, Bompiani 1980), dove è richiamata dal personaggio di Adso da Melk, il novizio al centro del racconto, insieme al suo maestro, il frate francescano Guglielmo da Baskerville (che a sua volta riprende la figura di Sherlock Holmes ne Il mastino dei Baskerville).
Scritto fra il 949 e il 954, il libello di Adso è dedicato a Gerberga, regina consorte dei Franchi occidentali in quanto moglie di Luigi IV di Francia; e in effetti il tema politico è centrale nell'opera di Adso.
Il libricino (meno di dieci pagine in tutto) è strutturato come una piccola biografia dell'Anticristo, sul modello rovesciato dei modelli agiografici tanto in voga nel Medioevo, comprendenti una succinta vita dei santi, comprese le gesta e i miracoli, e i tempi e i luoghi di svolgimento dell'azione.
La figura dell'Anticristo, presente in maniera costante e talvolta ossessiva in tutta la letteratura cristiana fin dalle origini, trova nell'opera di Adso una linfa nuova, alla luce dell'approssimarsi del fatidico anno Mille ("Mille e non più mille"), che allungava ombre sinistre su un imminente fine dei tempi e sulla resa finale fra bene e male, fra i fedeli del vero Dio e i seguaci del diavolo. Non a caso il libro di Adso incontrerà poi enorme fortuna nella letteratura apocalittica e nelle ansie escatologiche che torneranno a investire l'Europa fra XI e XII secolo e oltre (da Gioacchino da Fiore ai Fraticelli e agli Spirituali francescani).
I caratteri dell'Anticristo, secondo Adso, sono i seguenti:
- l'Anticristo si chiama così perché a Cristo sarà contrario in tutto: "Se Cristo viene umile, lui verrà superbo; Cristo viene a innalzare gli umili, a giustificare i peccatori, lui al contrario respingerà gli umili, magnificherà i peccatori, innalzerà gli empi e sempre insegnerà i vizi contrapposti alla virtù, distruggerà la legge evangelica, farà rivivere nel mondo il culto dei demoni".
- L'Anticristo ha avuto, nel corso della storia, una serie di "ministri": fra questi Adso cita Antioco IV Epifane, Nerone e Domiziano. 
- Nel mondo attuale ci sono già molti Anticristi: "chiunque, infatti, sia laico o canonico o anche monaco, viva contro la giustizia e combatta la regola del proprio ordine e bestemmi ciò che è bene, è Anticristo, è ministro di Satana".
- L'Anticristo nascerà dal popolo giudaico, e in modo particolare dalla tribù di Dan, della quale è scritto: "Sia Dan un serpente sulla strada, un ceraste sul sentiero (Genesi 49,17)".
- L'Anticristo "nascerà dall'unione di un padre e di una madre, come gli altri uomini, e non, come dicono alcuni, solamente da una vergine", come il vero Cristo.
- Come Cristo è stato generato per intervento dello Spirito Santo, l'Anticristo sarà invece generato dal peccato: "al momento stesso del suo concepimento il Diavolo entrerà nell'utero di sua madre, e la potenza del Diavolo sarà sempre con lui. E come lo Spirito Santo venne sulla madre del Signore nostro Gesù Cristo e la avvolse con l'ombra della sua potenza [...] così il Diavolo scenderà sulla madre dell'Anticristo e la riempirà tutta, la possederà tutta dentro e fuori".
- L'Anticristo sarà detto il Figlio della perdizione (2 Tessalonicesi 2,3), "perché, per quanto potrà, perderà il genere umano, ed egli stesso alla fine si perderà".
- Il luogo di nascita dell'Anticristo sarà la città di Babilonia, e vivrà, allevato e protetto, nelle città di Bethsaida e Corazim, perché è scritto: "Guai a te, Bethsaida, guai a te Corazim! (Matteo 11,21)".
- Fatto adulto, si recherà a Gerusalemme e si farà ebreo: si circonciderà e restaurerà il distrutto Tempio di Salomone; quindi si proclamerà "Figlio di Dio", ossia l'atteso Messia venuto a liberare il suo popolo: "allora tutti i Giudei affluiranno a lui, credendo di accogliere Dio, mentre accoglieranno il Diavolo".
- Andrà poi in tutti i luoghi di Gesù, e convertirà a se tutti i popoli, a partire dai re e dai principi.
- "Farà anche molti prodigi, miracoli grandi e inauditi. Farà cadere un fuoco dal cielo, in modo terribile, farà fiorire e seccare d'improvviso gli alberi, agitare e subito calmare il mare, mutare le forme naturali, alterare il corso e l'ordine delle acque, renderà l'aria tempestosa con ogni genere di venti e di tempeste, e compirà innumerevoli altri portenti, fino al punto da resuscitare i morti al cospetto degli uomini (Apocalisse 13,13), per indurre in errore, se fosse possibile, anche gli eletti (Matteo 24,24)".
- Per sedurre gli uomini, l'Anticristo userà tre modi: "con il terrore, con i doni e con i miracoli. Darà quantità d'oro e d'argento a quanti credono in lui. Vincerà con il terrore quelli che non riuscirà a corrompere con i doni. Cercherà di sedurre con prodigi e miracoli quelli che non avrà piegato con i doni".
- Chiunque resisterà comunque ai suoi tentativi di seduzione "sarà ucciso dalla spada, dal fuoco di una fornace, dai serpenti, dalle bestie o da altri generi di tormenti".
- La violenza dell'Anticristo si scatenerà per tre anni e mezzo, periodo che fa da contraltare agli anni di predicazione di Gesù.
- Prima della venuta dell'Anticristo, però, per non fare cadere tutto il mondo nel suo inganno, saranno inviati sulla terra due profeti, Enoch e Elia, che per tre anni e mezzo prepareranno il popolo dei fedeli per resistere il più possibile alle sue tentazioni. Al termine dei tre anni e mezzo, però, l'Anticristo li ucciderà, e scatenerà il suo attacco per altrettanti anni.
- Alla fine però l'Anticristo sarà ucciso, o direttamente da Gesù o dall'arcangelo Michele, e la sua morte avverrà sul monte degli Ulivi, dove il Signore è asceso al cielo.
- Dopo l'uccisione dell'Anticristo non verrà subito il Giorno del Giudizio e la fine dei tempi: "come apprendiamo dal libro di Daniele, Dio concederà quaranta giorni agli eletti, perché facciano penitenza, in quanto sono stati sedotti dall'Anticristo".
Da ultimo Adso aggiunge il motivo politico, che lo rende profondamente originale rispetto al tema trattato. L'arrivo dell'Anticristo, infatti, è legato al perpetuarsi dell'Impero romano in quello dei Franchi, garante dell'ordine sociale e religioso: "l'apostolo Paolo afferma che l'Anticristo non verrà nel mondo se prima non sia venuta l'apostasia (2 Tessalonicesi 2,3), cioè se tutti i regni non si saranno prima separati dall'impero romano, cui erano precedentemente sottomessi. Questo tempo peraltro non è ancora giunto; infatti, anche se è evidente che l'impero romano è stato per la massima parte distrutto, tuttavia fino a che dureranno i re dei Franchi, cui spetta mantenere l'impero romano, la dignità del regno non perirà del tutto, perché sussisterà nei suoi re". Soltanto con l'ultimo dei re Franchi arriverà la fine: "[l'ultimo re franco], dopo aver governato felicemente il suo regno, giungerà infine a Gerusalemme e deporrà lo scettro e la sua corona sul monte degli Ulivi. Questa sarà la fine e il compimento dell'impero dei Romani e dei cristiani. [...] E subito dopo, secondo l'insegnamento appena ricordato dell'apostolo Paolo, verrà l'Anticristo".
Questa inaspettata "lettura politica" dell'Anticristo da parte di Adso spiega la dedica a Gerberga, regina dei Franchi; e serve anche, in un certo senso, a rassicurare il lettore o il religioso in trepida attesa della fine dei tempi: essa non verrà, né l'Anticristo, finché sulla terra permarrà un governo forte e stabile nella figura del re dei Franchi, erede del Sacro Romano Impero.

Testo integrale originale (in latino) e traduzione in italiano

Nessun commento:

Posta un commento