sabato 9 marzo 2013

Un papa francescano?


Mai come in questa tornata del Conclave i media si sono scatenati nel "toto-papa", tesi nello sforzo supremo di anticipare il futuro prossimo papa di Santa Romana Chiesa. Ciò deriva sopratutto dal momento particolarmente delicato che sta attraversando la Chiesa cattolica, oltre che dall'inesistenza di veri favoriti, o "candidati forti" come dir si voglia, cosa che non era accaduta al momento dell'elezione di papa Ratzinger, in cui gli schieramenti e le posizioni erano ben visibili anche dall'esterno. Divisi quindi fra "conservatori" e "progressisti", fra "italiani" e fautori di un "papa straniero" (africano, asiatico o sudamericano), -oltre all'imponderabile soffio dello Spirito Santo-, ecco che mai come questa volta la scelta del papa veleggi nella più totale incertezza.
Fra i possibili "papabili" spunta però una figura nuova, particolarmente suggestiva visto il momento attuale della Chiesa e l'ansia di rinnovamento che si respira un po' ovunque: si tratta del cardinale di Boston, Sean Patrick O' Malley, 68 anni, di chiare origini irlandesi. Frate cappuccino, non disdegna -nonostante la nomina a cardinale- di vestire il saio francescano; missionario sull'Isola di Pasqua, cappellano per i "latinos" a Washington, dopo lo scandalo dei preti pedofili negli States, per pagare i debiti ha venduto l'Episcopio per andare a vivere in un modesto appartamento. Se nominato papa potrebbe essere il primo Pontefice nella storia millenaria della Chiesa Cattolica col nome di "Francesco I". Punti forti a suo favore: l'ansia di rinnovamento della Chiesa che necessita di un papa spirituale vicino ai poveri ma tuttavia -a differenza per esempio dei cardinali sudamericani- in quanto francescano (e di origine irlandese) ligio alla tradizione e alla struttura della Chiesa Romana. Punti deboli: la nazionalità americana che potrebbe renderlo inviso alle comunità arabe; il suo francescanesimo che potrebbe creare diffidenze nei cardinali più vicini a Ratzinger (fedeli alla linea del monachesimo benedettino piuttosto che all'ordine dei mendicanti).
Non ci resta che attendere.

Nessun commento:

Posta un commento